Presentazione dei volumi: Vincenzo d’Errico. Il carteggio dell’esilio (1850-1855)
Gli Eventi

Presentazione dei volumi: Vincenzo d’Errico. Il carteggio dell’esilio (1850-1855)

01 Ottobre, 2016

Presentazione dei volumi: Vincenzo d’Errico. Il carteggio dell’esilio (1850-1855)

In occasione del 161° Anniversario della morte del patriota lucano Vincenzo d’Errico (Torino, 1 ottobre 1855), sabato 1 ottobre 2016, alle ore 17:00, presso la Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Torino (piazza Castello n. 209, con ingresso da piazzetta Mollino n. 1), si svolgerà la presentazione dei volumi Vincenzo d’Errico. Il carteggio dell’esilio (1850-1855) a cura di Valeria Verrastro e Michela Ginnetti (Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 2015).

La manifestazione avrà inizio con i saluti di Monica Grossi (direttrice dell'Archivio di Stato di Torino), Chiara Appendino (sindaco di Torino), Mario Saluzzi (conservatore della Pinacoteca C. d’Errico), Michele Mastro (sindaco di Palazzo San Gervasio) e Mauro Laus (presidente del Consiglio regionale del Piemonte). Interverranno i proff. Ester De Fort (Università degli Studi di Torino) e Donato Tamblé (Società italiana di storia militare).

Saranno presenti le curatrici dei volumi. Il carteggio pubblicato è costituito dalle lettere che il patriota lucano Vincenzo d’Errico scrisse e ricevette dal 1850 al 1855, nel corso del suo lungo esilio volontario prima in Francia e poi in Piemonte, a Torino. In particolare, le 346 missive edite comprendono la corrispondenza fra Vincenzo d’Errico, i suoi familiari e alcuni amici esuli come lui: dal primo biglietto del 10 maggio 1850 nel quale il patriota dava istruzioni per l’ora in cui si sarebbe dovuto allontanare da Palazzo, al 30 settembre 1855, vigilia della sua morte e data della sua ultima lettera. I due volumi, editi nella collana “Fonti” dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, recano la presentazione di Giuseppe Monsagrati e la premessa di Donato Tamblé.

ARCHIVIO DI STATO DI POTENZA

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO