Sala di studio

La ricerca negli Archivi di Stato è libera e gratuita per motivi di studio e per finalità amministrative e personali.

Al suo arrivo in sala di studio l’utente è tenuto a compilare una domanda sulla quale deve indicare, oltre alle proprie generalità, l’oggetto della ricerca e le sue finalità (i dati personali contenuti nella domanda sono utilizzati esclusivamente a scopo statistico) e dichiarare di essere a conoscenza e rispettare le norme contenute nel Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento di dati personali per scopi storici. L'utente è poi tenuto a firmare in maniera leggibile il registro di presenza indicando la professione e la nazionalità.

Gli studiosi possono usufruire della guida e della consulenza scientifica di un funzionario archivista costantemente presente.

Tutti gli inventari e gli strumenti di corredo sono liberamente consultabili, insieme a un nutrito numero di repertori, guide e altri sussidi di ricerca.

Gli utenti possono richiedere in lettura anche i libri e i periodici della Biblioteca d’Istituto e possono fruire di strumenti di lavoro come lettori di microfilms, lampade di Wood ecc.

La sala è dotata di un proprio regolamento che disciplina il rapporto tra l’utenza e l’Archivio, dettando norme di comportamento per gli studiosi e descrivendo i servizi archivistici forniti.

Ogni utente può richiedere un massimo di 8 unità di conservazione al giorno. In casi eccezionali, il direttore dell’Istituto può autorizzare l’ampliamento della richiesta.

All’interno della sala non è consentito portare borse o altri contenitori. Tutti gli oggetti di uso personale devono essere riposti in appositi armadietti posti all’ingresso e muniti di chiave.

La sala offre 15 posti a sedere, di cui 4 dotati di prese elettriche per computer portatili.

Regolamento della Sala di studio

Orario di apertura: lun-gio 8.15-13.45, 14.30-17.45; ven-sab 8.30-13.30.

Orari prelievo del materiale: nella mattinata dalle 8.30 alle 13.00; nel pomeriggio dalle 14.30 alle 17.15.

Responsabile:
Lucio Rofrano, funzionario archivista
e-mail: lucio.rofrano@beniculturali.it

ARCHIVIO DI STATO DI POTENZA

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO